CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Ematologia.net

Ruolo del punteggio CHADS2 nelle sindromi coronariche acute: rischio di successivo decesso o ictus nei pazienti con e senza fibrillazione atriale


La fibrillazione atriale è comune nei pazienti con sindromi coronariche acute ( ACS ).
Si è cercato di descrivere il valore del punteggio CHADS2 ( insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età uguale o maggiore a 75 anni, diabete mellito, precedente ictus o attacco ischemico transitorio ) come strumento di valutazione del rischio di mortalità e ictus nei pazienti con sindrome coronarica acuta, indipendentemente dalla presenza o assenza di fibrillazione atriale.

Pazienti con sindrome coronarica acuta ricoverati in Unità coronarica sono stati prospetticamente inclusi in uno studio di stratificazione del rischio.
Sono stati calcolati i punteggi CHADS2 sulla base dei dati raccolti al momento del ricovero, e tutti i pazienti sono stati seguiti fino al 1º gennaio 2007 o alla morte.

Dei 2335 pazienti con sindrome coronarica acuta in questo studio, 442 ( età media 71 anni, 142 donne ) presentavano fibrillazione atriale.
Il loro punteggio CHADS2 medio è stato di 1.6 vs 1.0 nei pazienti senza fibrillazione atriale ( P minore di 0.0001 ).

La mortalità per qualsiasi causa a 10 anni era fortemente associata con il punteggio CHADS2 nei pazienti con fibrillazione atriale ( hazard ratio, HR=1.21; P=0.002 ), ma la stessa associazione era presente anche in pazienti non-affetti da fibrillazione atriale ( HR=1.38; P minore di 0.0001 ), dopo aggiustamento per i potenziali fattori confondenti.

Il più complicato punteggio di rischio GRACE ( Global Registry of Acute Coronary Events ) ha fornito una migliore previsione per la mortalità a breve e a lungo termine rispetto al semplice punteggio CHADS2 ( P minore di 0.0001 ).

Dopo aggiustamento, l’ospedalizzazione per ictus era significativamente associata con il punteggio CHADS2 in pazienti senza fibrillazione atriale ( ma non in quelli con fibrillazione atriale ) ( HR=1.46; P minore di 0.0001 ).

In conclusione, nei pazienti con sindromi coronariche acute, la fibrillazione atriale è risultata associata a prognosi infausta.
Il punteggio CHADS2 sviluppato per fibrillazione atriale ha un valore prognostico ancora maggiore nei pazienti che non hanno fibrillazione atriale, e può aiutare ad identificare i pazienti ad alto rischio di successivo ictus o di morte e la necessità di ottimizzare il trattamento di riduzione del rischio. ( Xagena2012 )

Poçi D et al, Chest 2012; 141: 1431-1440

Cardio2012 Neuro2012



Indietro