CardioPreventariab.it
American Heart Association
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Sindrome coronarica acuta: l’iperglicemia è associata ad aumento della formazione di trombina e ad attivazione piastrinica


L’iperglicemia acuta al momento del ricovero ospedaliero per sindrome coronarica acuta peggiora la prognosi nei pazienti con diabete o in quelli in cui il diabete non è noto.
Gli effetti protombotici sarebbero alla base di questa correlazione.

Ricercatori della Jagiellonian University School of Medicine a Cracovia, in Polonia, hanno valutato l’effetto di elevati livelli di glicemia sui coaguli ematici nei pazienti con sindrome coronarica acuta.

Allo studio hanno partecipato 60 pazienti con sindrome coronarica acuta, giunti in ospedale entro le prime 12 ore dopo l’insorgenza del dolore; questa popolazione comprendeva: 20 soggetti con diabete di tipo 2, 20 soggetti con nessuna diagnosi di diabete ma con livelli di glicemia maggiori di 7 mmol/l, e 20 soggetti con livelli di glicemia inferiore a 7 mmol/l.

I pazienti con sindrome coronarica acuta senza precedente diabete ma con elevati livelli di glicemia, presentavano un’aumentata formazione e produzione totale di complessi trombina-antitrombina ( rispettivamente del 42.9% p
I pazienti con iperglicemia, con nessuna precedente diagnosi di diabete, presentavano un più lungo tempo di lisi del trombo ( di circa il 18%; p
In conclusione, l’iperglicemia nella sindrome coronarica acuta è associata ad aumentata generazione locale di trombina e ad attivazione piastrinica. ( Xagena2008 )

Undas A et al, Diabetes Care 2008; 31: 1590-1595


Cardio2008 Endo2008



Indietro