CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
OncologiaMedica.net

Troponina ed eventi cardiaci nella malattia cardiaca ischemica stabile e nel diabete mellito


Le concentrazioni di troponina cardiaca vengono utilizzate per identificare i pazienti che potrebbero trarre beneficio da una rivascolarizzazione urgente per sindromi coronariche acute.

I ricercatori del BARI 2D Study Group hanno ipotizzato che le concentrazioni di troponina cardiaca possano essere utilizzate in pazienti con cardiopatia ischemica stabile per identificare i soggetti ad alto rischio di eventi cardiovascolari, che potrebbero trarre beneficio da una immediata rivascolarizzazione coronarica.

È stata misurata la concentrazione di troponina T cardiaca al basale con un test ad alta sensibilità in 2.285 pazienti che avevano sia diabete mellito di tipo 2 sia malattia ischemica stabile arruolati nello studio BARI 2D ( Bypass Angioplasty Revascularization Investigation in Type 2 Diabetes ).

È stata esaminata l’associazione tra la concentrazione di troponina T e un endpoint composito di morte per cause cardiovascolari, infarto miocardico, o ictus; si è poi valutato se l'assegnazione casuale a una pronta rivascolarizzazione avesse ridotto il tasso di endpoint composito nei pazienti con una concentrazione di troponina T anormale ( 14 ng per litro o superiore ) rispetto a quelli con una normale concentrazione di troponina T ( inferiore a 14 ng per litro ).

Dei 2.285 pazienti, 2.277 ( 99.6% ) presentavano concentrazioni di troponina T rilevabili ( 3 ng per litro o valore superiore ) e 897 ( 39.3% ) avevano concentrazioni di troponina T anormali al basale.

Il tasso a 5 anni di endpoint composito era del 27.1% tra i pazienti che avevano concentrazioni anomale di troponina T al basale, rispetto al 12.9% tra coloro che avevano concentrazioni normali di troponina T al basale.

Nei modelli aggiustati per fattori di rischio cardiovascolare, gravità del diabete, anomalie elettrocardiografiche e anatomia coronarica, l'hazard ratio ( HR ) per l'endpoint composito tra i pazienti con anomala concentrazione di troponina T era 1.85 ( P minore di 0.001 ).

Tra i pazienti con anomala concentrazione di troponina T, l'assegnazione casuale alla rivascolarizzazione, rispetto alla sola terapia medica, non ha portato a una significativa riduzione del tasso di endpoint composito ( HR=0.96 ).

In conclusione, la concentrazione di troponina T cardiaca è risultata essere un predittore indipendente di morte per cause cardiovascolari, infarto miocardico, o ictus in pazienti che avevano sia diabete mellito di tipo 2 sia malattia ischemica stabile.
Un valore di troponina T anormale di 14 ng per litro o superiore non ha identificato un sottogruppo di pazienti che hanno beneficiato della assegnazione casuale a una immediata rivascolarizzazione coronarica. ( Xagena2015 )

Everett BM et al, N Engl J Med 2015; 373: 610-620

Cardio2015



Indietro