CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
Reumatologia

Un trattamento invasivo precoce è migliore rispetto a un trattamento non-invasivo nella sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST


Nei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST, una strategia di trattamento invasivo precoce può rinviare il verificarsi di morte o successivo infarto del miocardio in media di 18 mesi, e di una successiva riammissione in ospedale per cardiopatia ischemica di 37 mesi, rispetto a una strategia non-invasiva.

Lo studio FRISC-II è stato il primo studio randomizzato a dimostrare una riduzione della morte o dell’infarto miocardico con una strategia di trattamento invasivo precoce rispetto a una strategia di trattamento non-invasivo nei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST.

E’ stata fornita una prospettiva di vita residua riguardo agli effetti su tutti gli eventi cardiovascolari nel corso di 15 anni di follow-up.

Lo studio prospettico, randomizzato, multicentrico FRISC-II è stato effettuato presso 58 Centri scandinavi in Svezia, Danimarca e Norvegia.

Tra il 1996 e il 1998 sono stati assegnati in modo casuale 2.457 pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST a una strategia di trattamento invasivo precoce, con l'obiettivo di ottenere la rivascolarizzazione entro 7 giorni, o a una strategia non-invasiva, con procedure invasive alla ricorrenza dei sintomi o a grave ischemia indotta dall'esercizio.

Il plasma per le analisi dei biomarcatori è stato ottenuto al momento della randomizzazione.

L'endpoint primario era un composito di morte o infarto miocardico.

Le analisi erano secondo intention-to-treat.

A un minimo di 15 anni di follow-up, nel 2014, i dati per lo stato di sopravvivenza e la morte erano disponibili per 2.421 pazienti su 2.457 inizialmente reclutati ( 99% ), e per altri eventi dopo 2 anni per 2.182 pazienti ( 89% ).

Durante il follow-up, la strategia invasiva ha rinviato la morte o un successivo infarto del miocardio con una media di 549 giorni ( P=0.0020 ) rispetto alla strategia non-invasiva.

Questo effetto è stato più grande nei non-fumatori ( guadagno medio 809 giorni, P interazione=0.0182 ), nei pazienti con elevata TnT [ troponina T ] ( 778 giorni, P interazione=0.0241 ) e nei pazienti con elevate concentrazioni di GDF-15 [ fattore di crescita e differenziazione 15 ] ( 1.356 giorni, P interazione=0.0210 ).

La differenza è stata causata principalmente dal rinvio del nuovo infarto miocardico, mentre la differenza precoce nella mortalità da sola non è stata sostenuta nel corso del tempo.

La strategia invasiva ha portato a una media di 1.128 giorni di rinvio di morte o successiva riammissione in ospedale per cardiopatia ischemica, risultato che era coerente in tutti i sottogruppi ( P minore di 0.0001 ).

Durante 15 anni di follow-up, una strategia di trattamento invasivo precoce ha rinviato il verificarsi di morte o successivo infarto del miocardio in media di 18 mesi, e di una successiva riammissione in ospedale per cardiopatia ischemica di 37 mesi, rispetto a una strategia non-invasiva nei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST.
Questa prospettiva di vita residua sostiene che una strategia di trattamento invasivo precoce dovrebbe essere l'opzione preferita nella maggior parte dei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST. ( Xagena2016 )

Wallentin L et al, Lancet 2016; 388: 1903-1911

Cardio2016



Indietro