Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Predittori di ictus a 30 giorni nei pazienti con sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento ST


L’ictus è una grave complicanza, seppur non comune, della sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento ST ( NSTE-ACS ).

Uno studio coordinato da Ricercatori dell’Erasmus Medical Center di Rotterdam ( Olanda ) si è posto l’obiettivo di identificare i predittori di ictus entro 30 giorni dopo una sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento ST.

I 6 studi hanno coinvolto 31.402 pazienti.

Sono stati riscontrati 228 ( 0.7% ) casi di ictus, di cui 155 ( 0.5% ) ictus non emorragici, 20 ( 0.06% ) ictus emorragici, e 53 ictus senza conferma alla tomografia computerizzata.

L’incidenza di mortalità entro 30 giorni tra i pazienti colpiti da ictus è stata del 25%.

L’età avanzata ( odds ratio, OR, per aumenti di 10 anni: 1.5 ), un precedente ictus ( OR = 2.1 ) ed un’elevata frequenza cardiaca ( OR per aumenti di 10 battiti: 1.1 ) sono risultati i più forti predittori di ictus a 30 giorni.

Il fumo, un precedente infarto miocardico, il diabete e l’ipertensione non sono risultati predittori non indipendenti di ictus.

L’impiego di inibitori della glicoproteina IIb/IIIa non ha aumentato il rischio di ictus. ( Xagena2006 )

Westerhout CM et al, Eur Heart J 2006; 27: 2956-2961

Cardio2006 Neuro2006



Indietro