Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Acido urico sierico come un predittore indipendente di mortalità nei pazienti con coronaropatia


Esiste controversia sul ruolo dell’acido urico come predittore indipendente di mortalità nei pazienti con coronaropatia o come un marker indipendente di outcome avverso.
E’ stata studiata l’influenza dei livelli di acido urico sulla mortalità nei pazienti con coronaropatia.
E’ stata eseguita la misurazione dei livelli di acido urico e rilevamento dei classici fattori di rischio al momento dell’arruolamento dei 1.017 pazienti con coronaropatia diagnosticata all’esame angiografico.
Il periodo medio di follow-up è stato di 2,2 anni (con un massimo di 2,1 anni).
L’endpoint dello studio era rappresentato dalla morte per tutte le cause.
Nei pazienti con coronaropatia con livelli di acido urico < 303 micromol/L ( 5,1 mg/dl) (quartile inferiore) rispetto a quelli con livelli di acido urico < 433 micromol/L (7,1 mg/dl) (quartile superiore), l’incidenza di mortalità è aumentata dal 3,4% al 17,1% ( aumento di 5 volte).
Dopo aggiustamento per età, entrambi i sessi hanno dimostrato un aumentato rischio di morte con livelli in crescita di acido urico (pazienti femmine: HR 1,30 , 95% CI 1,14 a 1,49 , P


Indietro