52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Dosaggio di Aspirina alla dimissione ed esiti clinici in pazienti con sindromi coronariche acute trattati con Prasugrel versus Clopidogrel


Uno studio ha cercato di determinare se vi sia una relazione tra dose di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) e l’antiaggregante piastrinico Prasugrel ( Efient; Effient ) nello studio TRITON-TIMI 38 ( Trial to Assess Improvement in Therapeutic Outcomes by Optimizing Platelet Inhibition With Prasugrel-Thrombolysis In Myocardial Infarction 38 ).

Il dosaggio ottimale di Aspirina dopo sindromi coronariche acute rimane non ben definito.
Studi precedenti hanno sollevato questioni riguardo all'interazione tra Aspirina ad alto dosaggio e l’antiaggregante Ticagrelor ( Brilique ).

Nello studio TRITON-TIMI 38 sono stati classificati 12.674 pazienti in un gruppo a basso dosaggio di Aspirina ( meno di 150 mg ) o in un gruppo ad alte dosi di Aspirina ( 150 mg o più ) sulla base della dose al momento della dimissione.

Sono stati identificati i correlati indipendenti di scelta del dosaggio ed è stato studiato l'impatto della dose di Aspirina sugli effetti clinici di Prasugrel.

È stata rilevata una significativa variazione geografica nel dosaggio di Aspirina, per cui i pazienti nordamericani ricevono alte dosi di Aspirina più frequentemente di altri Paesi ( 66% vs 28%, P minore di 0.001 ).

I fattori clinici correlati con alte dosi di Aspirina hanno incluso un precedente intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e l'uso di Aspirina prima della randomizzazione.

Le caratteristiche associate con l'uso di Aspirina a basso dosaggio hanno incluso età pari o superiore a 75 anni, etnia caucasica e l'uso di Bivalirudina o di un inibitore della glicoproteina IIb/IIIa durante l'intervento coronarico.

Indipendentemente dal basso o alto dosaggio di Aspirina, Prasugrel ha avuto tassi più bassi di endpoint di efficacia primari ( morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus, malattia cardiovascolare / infarto del miocardio / ictus ) ( hazard ratio, HR di CVD / MI / ictus=0.78 e HR di CVD / MI / ictus=0.87, rispettivamente; P per interazione=0.48 ) e più alti tassi di endpoint primario di sicurezza ( HR di sanguinamento maggiore TIMI=1.40 e HR di sanguinamento maggiore TIMI=1.30, rispettivamente; P per interazione=0.84 ), rispetto a Clopidogrel ( Plavix ).

In conclusione, nello studio TRITON-TIMI 38, i risultati di sicurezza ed efficacia di Prasugrel, rispetto a quelli di Clopidogrel, sono stati coerenti indipendentemente dalle dosi di Aspirina, anche se solo l'endpoint primario di efficacia ha raggiunto la significatività statistica.
Non c'è stata interazione clinicamente significativa tra Aspirina e Prasugrel, contraddicendo precedenti osservazioni. ( Xagena2014 )

Kohli P et al, J Am Coll Cardiol 2014; 63: 225-232

Cardio2014 Farma2014


Indietro