Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Evolocumab riduce rapidamente il colesterolo LDL quando aggiunto alle statine ad alta intensità nella sindrome coronarica acuta


Evolocumab ( Repatha ), quando aggiunto alla terapia con statine ad alta intensità nei pazienti con sindrome coronarica acuta ( ACS ), ha rapidamente e significativamente ridotto i livelli di colesterolo LDL ai livelli target raccomandati.

Il rischio di eventi ischemici ricorrenti è particolarmente elevato nei pazienti con sindrome coronarica acuta, e l'abbassamento dei livelli di colesterolo LDL è fondamentale per ridurre la morbilità e la mortalità cardiovascolare in questa popolazione.

Nello studio, i ricercatori hanno valutato la sicurezza, l'efficacia e la fattibilità di Evolocumab, un farmaco che riduce il colesterolo LDL con rapida attività d'azione, durante la terapia in acuto, in ambiente ospedaliero, con statine ad alta intensità.

EVOPACS ( Evolocumab for Early Reduction of LDL-Cholesterol Levels in Patients With Acute Coronary Syndrome ) era uno studio in doppio cieco, controllato con placebo, effettuato su 308 pazienti.
I criteri di inclusione includevano la diagnosi di sindrome coronarica acuta come definita dalle lineeguida attuali e un livello di colesterolo LDL superiore alle raccomandazioni delle lineeguida ( maggiore o uguale a 70 mg/dL per il precedente trattamento con statina ad alta intensità; maggiore o uguale a 90 mg/dL per il precedente trattamento con statine a bassa o moderata intensità oppure maggiore o uguale a 125 mg/dL senza precedente trattamento con statine ).
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Evolocumab 420 mg per via sottocutanea oppure placebo al basale e di nuovo a 4 settimane.
L'endpoint primario era la variazione percentuale di colesterolo LDL calcolata dal basale a 8 settimane.

Dal basale alla settimana 8, è stata dimostrata una variazione significativa del colesterolo LDL di -77.1% ± 15.8% nel gruppo Evolocumab rispetto a una variazione di -35.4% ± 26.6% nel gruppo placebo.
Inoltre, alla valutazione di 8 settimane, è stata osservata una riduzione del colesterolo LDL al livello target inferiore a 70 mg/dL nel 95.7% dei pazienti trattati con Evolocumab, con alcuni pazienti che hanno riscontrato risultati già 4 settimane dopo l'inizio del trattamento.

Non sono state osservate differenze significative negli eventi avversi tra il trattamento e i gruppi placebo.

Dallo studio è emerso che nei pazienti che presentano sindrome coronarica acuta, Evolocumab iniziato in ospedale, in aggiunta alla terapia con statine ad alta intensità, è risultato ben tollerato e ha portato a una riduzione sostanziale dei livelli di colesterolo LDL dopo 8 settimane e ha permesso il raggiungimento rapido del target attualmente raccomandato dei livelli di colesterolo LDL. ( Xagena2019 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2019

Cardio2019 Endo2019 Farma2019


Indietro