52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

La rivascolarizzazione miocardica percutanea con laser fornisce un miglioramento sintomatico della capacità di esercizio e della qualità della vita nei pazienti con angina pectoris stabile.


Lo studio ha valutato la sicurezza e l’efficacia della rivascolarizzazione miocardica percutanea con laser.

Sono stati arruolati 73 pazienti con angina pectoris stabile ( classe III o IV ) , non adatti alla rivascolarizzazione convenzionale, ma con evidenza di ischemia reversibile alla scintigrafia al tallio-201; la frazione d’eiezione era uguale al 25% o maggiore , mentre lo spessore della parete miocardica era uguale ad 8 mm. o superiore.

Questi pazienti sono stati assegnati in modo random alla rivascolarizzazione laser associata a terapia medica ( n=36 ) o alla sola terapia medica.

L’end point primario era rappresentato dal tempo di esercizio, mentre l’end point secondario comprendeva: classi di gravità dell’angina, frazione di eiezione ventricolare sinistra, qualità della vita, cambiamenti nella terapia medica ed ospedalizzazione.

In tutti i 36 pazienti la rivascolarizzazione laser ha avuto successo e non è stato osservato alcun caso di morte periprocedura.

Un paziente ha sviluppato una tachicardia ventricolare sostenuta che ha richiesto cardioversione elettrica ed 1 paziente ha sviluppato tamponamento cardiaco, che ha richiesto drenaggio chirurgico.

A 12 mesi , il tempo di esercizio è aumentato di 109 secondi nel gruppo sottoposto a rivascolarizzazione laser ed è diminuito di 62 secondi nel gruppo controllo ( p< 0.01 ).

Nel 36% dei pazienti anginosi rivascolarizzati è stato osservato un miglioramento di 2 classi di gravità contro nessuna variazione nel gruppo controllo ( p< 0.01). ( Xagena2003 )

Gray TJ et al, Am J Cardiol 2003; 91:661-666


Cardio2003


Indietro