Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

La sieropositività a Cp-HSP60, un nuovo marker per la sindrome coronarica acuta


Le proteine “ heat shock “ ( HSP ) presentano caratteristiche immunogeniche e pro-infiammatorie.

Nei pazienti con malattia coronarica stabilizzata è stata rinvenuta la proteina HSP60 della Chlamydia pneumoniae ( Cp ).

I Ricercatori dell’Università Cattolica di Roma e dell’Università Vita e Salute di Milano hanno misurato i livelli delle immunoglobuline G ( IgG ) anti-Chlamydia pneumoniae e degli anticorpi contro Cp HSP60 in 179 pazienti con angina instabile , 40 con infarto miocardico , 40 con angina stabile.
Il gruppo controllo era rappresentato da 100 persone.

La sieropositività a Cp-HSP60 è stata trovata nel 99% dei pazienti con sindrome coronarica acuta, nel 20% dei pazienti con angina stabile ed in nessuna persona del gruppo controllo.

La sieropositività per la Chlamydia pneumoniae invece è stata individuata nel 67% dei pazienti con sindrome coronarica acuta , nel 60% dei pazienti con angina stabile e nel 30% dei controlli.

La sieropositività per Cp-HSP60 sembra essere un marker molto sensibile e specifico della sindrome coronarica acuta. ( Xagena2003 )

Biasucci LM et al, Circulation 2003; 107:3015-3017



Cardio2003


Indietro