52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

La stimolazione del midollo spinale è associata ad un miglioramento dei sintomi anginosi in un alto numero di pazienti con angina pectoris stabile refrattaria al trattamento


Il Registro Italiano sulla Stimolazione del Midollo Spinale ( Prospective Italian Registry of SCS ) ha valutato l’outcome clinico dei pazienti con angina pectoris , grave , refrattaria al trattamento , sottoposti a impianto di un dispositivo per la stimolazione del midollo spinale.

Dei 104 pazienti arruolati nel registro, 70 erano uomini ; l’età media era di 68+/- 17 anni . L’83% presentava una grave coronaropatia.

Nel corso del periodo di osservazione ( 13,2 +/- 8 mesi), 17 (16%) pazienti sono morti, di cui 2 per morte cardiaca.

La stimolazione del midollo spinale ha migliorato i sintomi anginosi ( riduzione superiore al 50% degli episodi anginosi settimanali ) nel 73% dei pazienti .

Nell’80% dei pazienti si è osservato un miglioramento di una classe o più del Canadian Cardiovascular Society Angina Class e nel 42% dei pazienti di 2 classi o più.

Inoltre la stimolazione del midollo spinale ha ridotto la percentuale di ospedalizzazione e dei giorni di ricovero a causa dell’angina (p< 0.0001).

Il più comune effetto indesiderato della stimolazione è consistito nelle infezioni superficiali ed è stato riscontrato in 6 pazienti.
Nessuna grave reazione avversa associata alla metodica è stata osservata. ( Xagena2003 )

Di Pede F et al, Am J Cardiol 2003; 91:951-955



Cardio2003


Indietro