52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
XagenaNewsletter

Molti anziani con sindrome coronarica acuta non ricevono terapie basate sull’evidenza


Le terapie cardiologiche basate sull’evidenza sono sottoutilizzate nei pazienti anziani.

Sono stati studiati 24.165 pazienti con sindrome coronarica acuta, in 102 ospedali ed in 14 Paesi.

Nei pazienti anziani, di età uguale o superiore ai 65 anni, era comune una storia di angina, il TIA/ictus, l’infarto miocardico, l’insufficienza cardiaca congestizia, l’ipertensione, la fibrillazione atriale.

I calcio-antagonisti e gli Ace inibitori erano maggiormente prescritti a differenza dei beta-bloccanti, della terapia trombolitica, delle statine e degli inibitori della glicoproteina IIb/IIIa.

L’Eparina non-frazionata era maggiormente prescritta nei giovani pazienti, mentre non è stata osservata differenza riguardo all’Eparine a basso peso molecolare tra i diversi gruppi di età.

Il ricorso all’angiografia coronarica e al PCI ( intervento coronarico percutaneo ) è risultato significativamente ridotto con l’età.

La percentuale di bypass coronarico è risultata più alta tra i pazienti di età compresa tra i 65 ed i 74 anni ( 8,1% ) e 55-64 anni ( 7,7% ), più bassa tra i soggetti più giovani ( 4,7% ) e più anziani ( 2,7% ).

L’incidenza di grave sanguinamento è stata del 2-3% tra i pazienti di età maggiore ai 65 anni e superiore del 6% in quelli di età uguale o superiore agli 85 anni.

Lo studio ha rilevato che molti pazienti anziani, affetti da sindrome coronarica acuta non ricevono terapie basate sull’evidenza.( Xagena2005 )

Avezum A et al, Am Heart J 2005; 149: 67-73

Cardio2005 Farma2005


Indietro