Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Xagena Mappa

Pazienti anziani con sindromi coronariche acute gestite senza rivascolarizzazione: Prasugrel versus Clopidogrel


La doppia terapia antiaggregante nei pazienti anziani, rispetto ai pazienti più giovani, affetti da sindromi coronariche acute è stata poco studiata.
Prasugrel ( Efient ) a basso dosaggio ( 5 mg/die ) è raccomandato per i pazienti più giovani, con basso peso corporeo e per i pazienti anziani con sindrome coronarica acuta per mitigare il rischio di sanguinamento dovuto alla dose standard di Prasugrel ( 10 mg/die ).

Un totale di 9.326 pazienti gestiti medicalmente con sindromi coronariche acute dallo studio TRILOGY ACS ( con meno di 75 anni, n=7.243; con 75 anni o più, n=2.083 ) sono stati randomizzati a Prasugrel ( 10 mg/die; 5 mg/die per quelli con più di 75 anni o meno di 75 anni e meno di 60 kg di peso ) o Clopidogrel ( 75 mg/die; Plavix ) più Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) per 30 mesi o meno.

Un totale di 515 partecipanti di 75 anni di età o più ( 25% della popolazione anziana totale ) ha dimostrato reattività piastrinica in un sottostudio sulla funzione piastrinica.

I rischi cumulativi dell’endpoint primario ( morte cardiovascolare / infarto miocardico / ictus ) e sanguinamento maggiore TIMI ( Thrombolysis in Myocardial Infarction ) sono aumentati progressivamente con l'età e sono stati 2 volte o più superiori tra i partecipanti più anziani.

Tra i pazienti di 75 anni di età o più, i tassi di sanguinamento maggiore TIMI ( 4.1% vs 3.4%, HR=1.09 ) e di endpoint primario sono risultati simili con Prasugrel a ridotto dosaggio e Clopidogrel.

Nonostante la correlazione tra inferiore reattività piastrinica a 30 giorni durante il trattamento e peso inferiore solo nel gruppo Prasugrel, c'è stata una interazione non-significativa tra trattamento e peso per i valori unitari di reattività piastrinica tra i partecipanti di 75 anni di età o più nel sottostudio sulla funzione piastrinica ( P=0.06 ).

Non sono state osservate differenze di peso in tutti i partecipanti di 75 anni di età o più con o senza sanguinamento TIMI maggiore / minore in entrambi i gruppi di trattamento.

In conclusione, l’età avanzata è associata a sostanziale aumento del rischio cardiovascolare a lungo termine e di sanguinamento nei pazienti con sindromi coronariche acute gestite medicalmente, senza differenze negli esiti ischemici o emorragici con Prasugrel a dose ridotta, rispetto a Clopidogrel, nei pazienti anziani.
Nessuna interazione significativa tra il peso corporeo, la risposta farmacodinamica e il rischio di sanguinamento è stata osservata tra Prasugrel a ridotto dosaggio e Clopidogrel nei pazienti anziani. ( Xagena2013 )

Roe MT et al, Circulation 2013; 128: 823-833

Cardio2013 Farma2013


Indietro