52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

Predittori di sanguinamento maggiore nei pazienti con sindromi coronariche acute


L’obiettivo dello studio è stato quello di identificare i pazienti con sindromi coronariche acute a maggior rischio di sanguinamento maggiore.

L’analisi ha riguardato i 24.045 pazienti del Registro GRACE ( Global Registry of Acute Coronary Events ).

L’incidenza totale di sanguinamento maggiore è stata del 3,9 : 4,8% nei pazienti STEMI ( infarto miocardico con sopraslivellamento ST ) e 4,7% nei pazienti NSTEMI ( infarto miocardico senza sopraslivellamento ST ), e 2,3% nei pazienti con angina instabile.

L’età avanzata, il sesso femminile, una storia di sanguinamento e l’insufficienza renale erano indipendentemente associati ad un maggior rischio di sanguinamento ( p
Il sanguinamento maggiore è risultato associato ad un aumento del rischio di morte ospedaliera (OR aggiustato: 1,64). ( Xagena2003 )

Moscussi M et al, Eur Heart J 2003; 24:1815-1823


Cardio2003


Indietro