Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Sindrome coronarica acuta: alti livelli di angiogenina sono predittivi di eventi avversi


L’angiogenina è un membro della superfamiglia delle ribonucleasi.
E’ stato ipotizzato che le anormalità dei livelli di angiogenina nella sindrome coronarica acuta abbiano implicazioni prognostiche nel predire eventi avversi.

Sono stati misurati i livelli plasmatici di angiogenina in 39 pazienti consecutivi ( 63,4% maschi, età media 67 anni ), ricoverati con sindrome coronarica acuta.
Il gruppo di controllo malati era composto da 44 pazienti con malattia coronarica stabile, mentre il gruppo di controllo sani di 76 persone.

Il periodo osservazionale è stato di 6 mesi.
Gli endpoint avversi comprendevano: morte cardiovascolare, recidiva di sindrome coronarica acuta, rivascolarizzazione ed insufficienza cardiaca.

I pazienti con sindrome coronarica acuta presentavano significativamente più elevati livelli plasmatici di angiogenina rispetto ai controlli. ( P< 0,001 ).

Dopo aggiustamento, gli aumentati livelli di troponina T ed i cambiamenti elettrocardiografici, gli aumentati livelli di angiogenina erano indipendentemente associati a più eventi avversi al follow-up di 6 mesi ( HR = 1.44; P= 0,008 )

I dati stanno ad indicare che i livelli plasmatici di angiogenina sono significativamente aumentati nella sindrome cardiaca acuta, e possono essere coinvolti nella patogenesi di questa condizione. Alti livelli di angiogenina sono in grado di predire eventi avversi nel corso del follow-up. ( Xagena2007 )

Tello-Montolin et al, Eur Heart J 2007; 28: 3006-3011


Cardio2007 Diagno2007


Indietro