52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Associazione Silvia Procopio

Sindrome coronarica acuta: l'anemia è un fattore di rischio indipendente per l'aumento della mortalità per qualsiasi causa e della mortalità non-cardiaca nel lungo periodo


Uno studio ha valutato l'influenza dell'anemia sugli esiti a lungo termine dei pazienti con sindrome coronarica acuta sottoposti a intervento coronarico percutaneo ( PCI ).

Lo studio ha incluso 5668 pazienti unici consecutivi con sindrome coronarica acuta sottoposti a procedura PCI presso la Mayo Clinic nel periodo 2004-2014.
I pazienti sono stati stratificati sulla base della presenza ( livello di emoglobina [ Hgb ], inferiore a 13 g/dL negli uomini e inferiore a 12 g/dL nelle donne ) e della gravità dell'anemia pre-PCI ( livello di Hgb da moderato a grave, inferiore a 11 g/dL in uomini e donne ), e sono stati confrontati con pazienti senza anemia.

Gli esiti primari erano la mortalità per tutte le cause intraospedaliera e a lungo termine dopo bilanciamento delle comorbidità di base.

La mortalità per qualsiasi causa intraoperatoria non-aggiustata ( 4.6% [ 84 di 1831 ] vs 2.0% [ 75 di 3837 ] ) e la mortalità al follow-up di 5 anni ( 44.4% [ 509 ] vs 15.4% [ 323 ] ) erano più alte nei pazienti con anemia rispetto a quelli senza anemia ( P inferiore a 0.001 per entrambi ).

Dopo aver applicato l'analisi IPW ( inverse propensity weighting ), la mortalità per tutte le cause in ambiente ospedaliero ( 2.0% [ 37 ] vs 2.0% [ 75 ]; P = 0.85 ) e la mortalità a 5 anni ( 17.8% [ 203 ] vs 15.4% [ 323 ]; P = 0.05 ) non sono risultate significativamente differenti tra i pazienti con e senza anemia; tuttavia, sono stati osservati tassi più alti di mortalità a 5 anni per tutte le cause nei pazienti con anemia da moderata a grave ( 22.3% [ 113 ] vs 15.4% [ 323 ], P inferiore a 0.001 ) rispetto ai pazienti senza anemia.

L'andamento della mortalità a 5 anni è stato determinato da un aumento della mortalità non-cardiaca nei pazienti con anemia ( 10.2% [ 91 ] vs 7.1% [ 148 ]; P = 0.04 ) e anemia da moderata a grave ( 10.4% [ 52 ] vs 7.1% [ 148 ]; P = 0.006 ) rispetto ai pazienti non-anemici.

In conclusione, dopo aver considerato le differenze nei profili di rischio dei pazienti anemici e non-anemici, l'anemia sembrava essere un fattore di rischio indipendente per l'aumento della mortalità per qualsiasi causa e mortalità non-cardiaca a lungo termine. ( Xagena2018 )

Al-Hijji MA et al, Mayo Clin Proc 2018; 93: 1448-1461

Cardio2018 Emo2018



Indietro