Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Terapia con riduzione della dose di Prasugrel dopo intervento coronarico percutaneo complesso nei pazienti con sindrome coronarica acuta: analisi post hoc dello studio HOST-REDUCE-POLYTECH-ACS


La de-escalation della doppia terapia antipiastrinica attraverso la riduzione della dose di Prasugrel ( Efient ) ha migliorato gli eventi clinici avversi netti dopo la sindrome coronarica acuta ( ACS ), principalmente attraverso la riduzione del sanguinamento senza un aumento degli esiti ischemici.
Tuttavia, non è noto se tali benefici siano osservati in modo simile in coloro che ricevono procedure complesse.

Si è studiato se i benefici della terapia di riduzione della dose di Prasugrel siano mantenuti nel sottogruppo di intervento coronarico percutaneo ( PCI ).
È stata effettuata un'analisi post hoc di HOST-REDUCE-POLYTECH-ACS, uno studio multicentrico randomizzato, in aperto, condotto in 35 ospedali della Corea del Sud.
I partecipanti allo studio includevano pazienti con sindrome coronarica acuta che stavano ricevendo la procedura PCI.
I dati sono stati raccolti nel periodo 2014-2015, e analizzati tra il 2020 e il 2021.

I pazienti sono stati randomizzati a una riduzione della dose di Prasugrel ( 5 mg al giorno ) 1 mese dopo procedura PCI o a un gruppo convenzionale ( 10 mg al giorno ).
Un intervento coronarico percutaneo complesso è stato definito con almeno una delle seguenti caratteristiche: 3 o più stent impiantati, 3 o più lesioni trattate, PCI alla biforcazione, lunghezza totale dello stent uguale o superiore a 60 mm, PCI principale sinistro o calcificazione pesante.

I principali endpoint dell'analisi erano MACE ( evento cardiaco avverso maggiore, un composito di morte cardiovascolare, infarto miocardico non-fatale, trombosi dello stent e rivascolarizzazione ripetuta ) a 1 anno per gli esiti ischemici e classe BARC 2 ( Bleeding Academic Research Consortium ) o più eventi di sanguinamento a 1 anno per esiti di sanguinamento.

Dei 2.271 pazienti ( età media, 58.9 anni; 2.024, 89%, pazienti maschi ) per i quali erano disponibili dati procedurali completi, 705 hanno ricevuto PCI complesso e 1.566 sono stati sottoposti a PCI non-complesso.
L'intervento PCI complesso è risultato associato a tassi più elevati di esiti ischemici ma non a esiti di sanguinamento.

La riduzione della dose di Prasugrel non ha aumentato il rischio di MACE ( hazard ratio, HR=0.88; P=0.70 in PCI complesso; HR=0.81; P=0.48 in PCI non-complesso; P per interazione=0.84 ) ma ha ridotto gli eventi emorragici di classe BARC 2 o superiore ( HR=0.25; P=0.002 in PCI complesso; HR=0.62; P=0.05 in PCI non-complesso; P per interazione=0.08 ).

In questa analisi post hoc di pazienti con sindrome coronarica acuta, la riduzione della dose di Prasugrel rispetto alla terapia convenzionale non è stata associata a un aumentato rischio di esiti ischemici, ma può ridurre il rischio di eventi emorragici minori a 1 anno, indipendentemente dalla complessità dell'intervento coronarico percutaneo. ( Xagena2022 )

Hwang D et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 418-426

Cardio2022 Farma2022


Indietro