Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Troponina cardiaca ad alta sensibilità e stratificazione del rischio dei pazienti con compromissione renale con sospetta sindrome coronarica acuta


Il test della troponina cardiaca ad alta sensibilità ( cTnT-hs ) può migliorare la stratificazione del rischio e la diagnosi di infarto del miocardio, ma le concentrazioni possono essere difficili da interpretare nei pazienti con insufficienza renale e l'efficacia dei test in questo gruppo è incerta.

In uno studio prospettico multicentrico di pazienti consecutivi con sospetta sindrome coronarica acuta, è stata valutata la performance della troponina I cardiaca ad alta sensibilità nei soggetti con e senza compromissione renale ( velocità di filtrazione glomerulare stimata [ eGFR ] inferiore a 60 ml/min/1.73 m2 ).

Il valore predittivo negativo e la sensibilità delle concentrazioni di troponina al di sotto della soglia di stratificazione del rischio ( 5 ng/l ) alla presentazione sono stati riportati per un esito primario di infarto miocardico di tipo 1 indice, o infarto miocardico di tipo 1 o morte cardiaca a 30 giorni.

Il valore predittivo positivo e la specificità alla soglia diagnostica del 99° centile ( 16 ng/l nelle donne, 34 ng/l negli uomini ) è stato determinato per l'infarto miocardico di tipo 1 indice.
Il successivo infarto miocardico di tipo 1 e la morte cardiaca sono stati riportati a 1 anno.

Su 4.726 pazienti identificati, 904 ( 19% ) presentavano insufficienza renale. Le concentrazioni di troponina inferiori a 5 ng/l alla presentazione hanno identificato il 17% dei pazienti con insufficienza renale come pazienti a basso rischio per l'esito primario ( valore predittivo negativo, 98.4%; sensibilità 98.9% ), rispetto al 56% senza danno renale ( P minore di 0.001 ) con prestazioni simili ( valore predittivo negativo, 99.7%; sensibilità 98.4% ).

Il valore predittivo positivo e la specificità al 99° centile sono stati inferiori nei pazienti con insufficienza renale, rispettivamente, al 50.0% e al 70.9%, a confronto con il 62.4% e il 92.1% in quelli senza.

A 1 anno, i pazienti con concentrazioni di troponina superiori al 99° centile e danno renale hanno avuto un maggiore rischio di infarto miocardico successivo o morte cardiaca rispetto a quelli con funzione renale normale ( 24% vs 10%, hazard ratio aggiustato, aHR=2.19 ).

In conclusione, nella sospetta sindrome coronarica acuta, la troponina cardiaca ad alta sensibilità ha identificato un minor numero di pazienti con insufficienza renale a basso rischio e un maggior numero ad alto rischio, ma con una specificità inferiore per infarto miocardico di tipo 1.
Indipendentemente dalla diagnosi, i pazienti con insufficienza renale ed elevate concentrazioni di troponina cardiaca hanno presentato un rischio 2 volte maggiore di eventi cardiaci maggiori rispetto a quelli con normale funzionalità renale, e dovrebbero essere presi in considerazione per ulteriori indagini e trattamenti. ( Xagena2018 )

Miller-Hodges E et al, Circulation 2018; 137: 425-435

Cardio2018 Nefro2018



Indietro